Arrivo - Alloggio a Cuba

Vai ai contenuti

Menu principale:

Arrivo

Cuba Istruzioni per l'uso


All'areoporto

Scesi dall'aereo ad Habana, dopo aver percorso un lungo corridoio con vetrate che danno visione della sala dove attendono i passeggeri in partenza dove pure noi al termine del  soggiorno andremo ad occupare con la medesima tristezza negli occhi di chi ci guarda, ci troveremo in un salone per il controllo dei passaporti e Visto di ingresso (VISA acquistata
preventivamente in Italia).

In questo salonei ci si metterà in coda una delle file antistante ad uno dei tanti piccoli Uffici, occupati da un Doganiere.  Quando sarà il nostro turno, si consegnerà al suddetto Funzionario il passaporto e la VISA da noi preventivamente compilata. Controllato il tutto, ci verrà chiesto di tenere la testa alta per scattare una foto da una  telecamerina posta di fronte a noi.  Un paio di timbri messi dal funzionario sui documenti consegnati, saranno il segnale che tutto è in regola. Alla riconsegna degli stessi si aprirà elettricamente la serratura di una porticina e ci si troverà nella sala dove avverrà una sommaria perquisizione ed il passaggio attraverso il metal detector. Quindi si accederà al salone del "travaglio" o più precisamente della consegna valige che arriveranno scaraventate in uno dei due tapis roulants esistenti. Quando finalmente arriveranno, non dovremo ancora ritenerci completamente fortunati. Se nell'adesivo che al cekin è stato incollato alla valigia noteremo qualche sigla posta a penna, significherà che hai raggi x è stato notato notato qualcosa di sospetto,(apparecchi elettronici,PC ecc) nel migliore dei casi a dovremo dichiarare quello che importiamo a Cuba e nel peggiore di dovere aprire la valigia. Se ai raggi x  sono stati notati apparecchi che rientrano in una loro lista, si dovrà pagare una tassa di ingresso anche se insisteremo dicendo che sono regali e non sono per vendere. In tale situazione ci potrebbe venire chiesta la fattura di acquisto per determinare la tassa da pagare, ma ovviamente non avendola sarà determinato dal funzionario il valore dell'oggetto su cui applicherà la tassa da pagare.
Carni, salumi, ortaggi (limoni) non confezionati ermeticamente sottovuoto verranno sequestrati così come pure forni elettrici tradizionali e tutto ciò che secondo loro consuma molta corrente. Ribadisco ancora che per articoli elettronici ancora imballati sarà utile avere un documento di acquisto con l'importo pagato sul quale il doganiere applicherà la suddetta tassa di importazione. Evitate di dichiarare il possesso di molti regali per i molti amici che avete perchè spesso indispone il funzionario, come pure non tentate per nessun motivo di corromperlo, entrambi rischiereste pesanti sanzioni. Evitate di creare discussioni con i funzionari e se qualche prodotto intendono sequestrarlo non fatevi prendere dal nervoso magari scaraventandolo per terra per distruggerlo. Un simile avvenimento è costato 500€ di sanzione al turista nervoso che in questo modo non ha iniziato bene la vacanza.
Dal momento in cui si scende dall'areo prepariamoci che chiunque è pronto a chiederci del denaro. Si inizia già in aereoporto dove degli addetti in camice bianco chiedono se si è affetti da malattie e danno delle indicazioni su cosa fare se si avessero problemi di salute. Al termine con molta discrezione chiedono se hai qualche moneta da dare, ma è sufficiente con la stessa gentilezza rispondere che ne siamo sprovvisti. Più spiacevole è invece il mancato arrivo di una valigia. Nel migliore dei casi un incariato dei bagagli vedendoti preoccupato davanti al tapis roulants che ormai svuotato non ha consegnato la propria valigia chiede quale sia il problema. Riferitogli il problema, il personaggio si fa consegnare il tiket corrispondente e scompare dietro la porta che da nella stanza di carico valige nel tapis roulants. Dopo un pò ricompare con la tanto agoniata nostra valigia, come si può non essergli riconoscente anche se qualche dubbio ci da pensare. Se invece non arrivasse la valigia, si dovrà fare la denuncia all'apposito sportello consegnando eventuali chiavi e/o codici per aprirla ed ispezionarla quando arriverà nei giorni seguenti e verremo avvisati per il ritiro .
Prima di varcare la porta della zona consegna valige, un ultimo funzionario controllerà la corrispondenza del numero bagaglio incollato sul nostro biglietto con il tiket posto sulla valigia oltre a verificare se quest'ultimo non riporti nessuna scritta posta dal controllo. Se ciò fosse purtroppo si dovrà espletare tutta la trafila spiegata in precedenza. Diversamente se tutto risulterà in regola , varcata la porta della zona consegna valige, una marea di gente sarà ad attenderci, il mio consiglio è di passare velocemente "l'ingorgo" ignorando tutte le proposte di offerta di taxi, appartamenti, auto ecc che vi verranno proposti.Prima di uscire dall'areostazione, sulla destra della porta principale c'è un ufficio cambio che in Cubano si chiama Cadeca. Non cambiate molto denaro perchè aprofittando ad essere il primo ufficio nel quale lo straniero appena arrivato è costretto a rivolgersi, il cambio è sconveniente rispetto ad altre Cadeca. Essendo stanchi non andremo a controllare se il cambio è più o meno favorevole (cosa che nei giorni a venire conviene), quindi cambieremo solo un centinaio di Euro per le prime spese Taxi ecc. E' bene sapere che le Cadeca non applicano tutte lo stesso cambio,ad Havana la Cadeca di Playa dell'Est e molto sconveniente. Per essere tranquilli di un cambio corretto il Banco Metropolitano è il posto giusto per cambiare.  Importante sapere che a Cuba sono in circolazione, oltre al Pesos convertibile o CUC, anche il Peso Nazionale che vale molto meno (24 pesos moneta nazionale corrispondono ad un CUC ). Quest'ultimo viene utilizzato dai cubani perchè è con questi che lo  stato li paga.(Anche in questo sembra prossimo un cambiamento eliminando una delle due monete, probabilmente il CUC).
Quando si avrà capito come funzionano le due monete in circolazione (unico paese al mondo ) non sarà sbagliato cambiare anche una decina di CUC in moneta nazionale (tale cambio viene eseguito solo nelle Cadeca). In molti locali o servizi pubblici si paga con moneta nazionale con un notevole risparmio.
Dovremo fare attenzione nei resti che non ci venga data questa valuta, non sarà difficile comunque identificarla anche perchè questa non porta la dicitura Pesos Convertibles.
Il cambio come già detto,si dovrà fare nelle Cadeca o nelle Banche, sconsigliato oltre che illegale chi lo propone per la strada  offrendo cambi vantaggiosissimi ed esponendoci alla scoperta successiva che il vantaggio non era il nostro.
Altro consiglio dettato dall'esperienza è quello di non farsi dare tagli diversi di banconote, la cosa migliore tenere il taglio maggiore con banconota da 10 CUC. Accade infatti che in locali aprofittando dell'oscurità e della sistuazione di caotica si paghi il conto al cameriere con una banconota di taglio superiore ai 10 CUC, questi dopo essersi girato per andare a prendere un eventuale resto, si rigira mostrandoti che avevi dato una banconota di taglio inferiore che con maestria è stata sostituita. A questo punto se nessuno di coloro che ti accompagnano ha notato in precedenza la banconota data poco prima, non sarà facile avere la ragione dalla tua parte e dovrai ripagare.( da una situazione realmente accaduta) Cuba comunque non è l'unico paese dove succede questo.

I Taxi

All'esterno dell'areostazione, ci troveremo con una lunga fila di taxi posteggiati. Potremmo essere avvicinati dal solito personaggio che ci offre un po' di tutto, appartamento, sigari, taxi ecc.. Questa è una delle molteplici attività che i cubani intraprendono per arrotondare gli esigui introiti confidando in una mancia dallo straniero ed una "propina" da chi poi effettivamente farà il servizio (taxista o affitta camere).

Personale consiglio in questa fase in cui si è stanchi peril viaggio, scegliere uno dei taxi posteggiati chiedendo preventivamente con l'indirizzo dove ci si deve recare il costo della corsa. Se pensate che l'autista prescelto faccia salti di gioia perchè avete preferito lui al posto di altri, scordatevelo. Nella maggioranza dei casi, siamo andati a disturbarlo  forse perchè il numero di corse che doveva fare sono state già compiute e il suo misero stipendio non cambierà con qualche corsa in più, a meno che non lasci spento il tassametro, ma allora questo è tutto un altro discorso. E' bene sapere che a Cuba ci sono diverse tipologie di trasporti che variano anche a secondo di dove ci si trova. Ad Habana abbiamo i Taxi Ufficiali, consiglio di prendere i Panataxi quelli con la scritta -20% sul cofano sono i più economici di questa categoria .Circolano poi i taxi di privati che personalmente preferisco. Per i Cubani ci sono taxi collettivi che circolano su auto americane degli anni 50 con motori di tutti i generi, interni non proprio al massimo dello sterilizzato. Ci si sale fino a quanti ci si sta e si paga normalmente in moneta nazionale; è una esperienza da provarsi almeno una volta. E' necessario comunque conoscere preventivamente il tragitto ed è conveniente solo nell'ambito cittadino pagando 10 pesos in moneta nazionale, oltre la zona centrale di Habana il prezzo aumenta.
Ritornando al nostro taxi dell'areoporto, l'importo equo che ci potrà chiedere per portarci in zona Università, Hotel Habana Libre,Vedado  è
dai 20 ai 25 CUC Se l'importo fosse maggiore e se è rimasta ancora un pò di forza, si contratta o si passa al taxi successivo..


 
Torna ai contenuti | Torna al menu